Phil Galfond lancia la sua poker room: “Voglio un sito onesto che creda nel sogno che ho vissuto”

Sono onesti Facce 62903

In particolare sotto accusa finiscono i multiaccounter, giocatori che partecipano allo stesso torneo con più account, spesso intestati a parenti vari; i colluder, giocatori che colludono attraverso pratiche illecite come chat di skype nelle quali comunicarsi vicendevolmente le carte; e i compratori di account di giocatori arrivati alle fasi finali dei vari tornei attraverso il ghosting o prendendo in prima persona il controllo del mouse. Il dialogo tra giocatori, poker room e mondo esterno diviene pressoché impossibile, non consentendo lo sviluppo di una legge che dia possibilità alle poker room di punire in maniera efficace chi opera pratiche scorrette. E comunque nel caso dei multiaccounter, tali giocatori creano prontamente nuovi account. Non possiamo purtroppo sequestrare le vincite degli account incriminati e restituire le vincite ai giocatori onesti che sono le vere vittime di questi truffatori. Invece ancora troppo spesso su Facebook i post di vittorie ottenute da giocatori bannati ricevono like su like.

Da Cagliari a Las Vegas a 26 anni

Si tratta di un passo veramente apprezzabile per la sua carriera, verrebbe approssimativamente da dire un salto nel fosco. Contrariamente a quanto accaduto in accaduto con altri professionisti, infatti, Phil Galfond non ci metterà soltanto la muso nel ruolo di testimonial, ma avrà un ruolo attivo nella gestione della poker room. In altre parole, avrà una poker room tutta sua, ove poter prendere quelle decisioni che in passato ha auspicato a gran ammonimento. Dovrebbe valorizzare i giocatori occasionali per essere disposti a rischiare i esse soldi nel gioco che amano. Per aver scelto il poker rispetto ad altri hobby e per per aver scelto quel sito rispetto agli estranei. Dovrebbe valorizzare i giocatori entusiasti e i semi-professionisti per la liquidità affinché garantiscono e per la crescita del gioco. Per far conoscere la esse poker room preferita attraverso mezzi differenti.

Articoli correlati

Il ragazzo del poker che punta a vincere nove milioni di dollari Incognita Sfida di due giorni. Battuti 7. Filippo Candio Già, perché Filippo Candio da Cagliari è il primo dell'Italia in 40 anni di storia affinché sabato a mezzogiorno ora locale potrà sedersi al tavolo finale del Main Event delle World Series of Poker WSOP al Rio Casino, il combattimento dei tornei di poker sportivo, specialità Texas Hold'em, iscrizione da 10 mila dollari. Lui è uno dei mitici november nine, ovvero i magnifici nove che per due giorni il 6 e l'8, diretta su PokerItalia24, naviglio di Sky a botte di all in si contenderanno un primo compenso di altrettanti milioni di dollari. A luglio erano in Poi 27, concludendo 9.

Il ragazzo del poker che punta a vincere nove milioni di dollari - Corriere della Sera

Tweet Come ragionano i professionisti di poker quando decidono di piazzare un bluff? Ecco la grafica riassuntiva di tutta la action della mano: Vediamo all'istante qual è stato il thought process di Raymer in game, come raccontato dallo stesso Greg al portale statunitense CardPlayer. Non sono le più alte ma devi difendere i tuoi bui abbastanza liberamente in spot di attuale tipo. Stai avendo un prezzo benevolo. Quello che non voglio in situazioni simili, è difendere con mani agguato tipo K-5 o cose simili. Preferisco avere piuttosto che K-5 a individuo onesto perchè posso venire invischiato in una grossa perdita quando il mio kicker è peggiore. Inizi a chiederti quanto sia largo il range insieme cui sta aprendo. Flop Nel mio bluff bisogna considerare due componenti, essenzialmente.

Leave a Reply

Your email address will not be published.*